Open source marketing tools

Blogfolio Archimede

Rich Snippets for dummies

Per spiegare il concetto di Rich Snippet è necessario partire dal suo costrutto base, ossia lo Snippet, che si presenta nella Serp di google con un titolo, un link e una descrizione.

Rich Snippet

Al suo interno possiamo inserire i Rich Snippet che rappresentano delle informazioni aggiuntive, ad esempio di un dato evento in programma:Rich Snippets

Esistono varie tipologie di Rich Snippet, tutte visibili all’interno del sito http://schema.org/docs/schemas.html, tuttavia le più utilizzate sono solo 6:

La loro integrazione nelle pagine web può essere fatta mediante l’utilizzo di microdata, particolari attributi da inserire all’interno di tag html, fino a creare una struttura annidata come nell’esempio che segue:

<div itemscope itemtype=”http://schema.org/Event”>

<div itemprop=”name”>Titolo evento</div>

<div itemprop=”startDate” content=”2016-07-10T06:00″>10 luglio 2016</div>

<div itemprop=”description”>Descrizione evento</div>

<div><a itemprop=”url” href=”http://www.google.it”></a></div>

</div>

Vediamo nello specifico i vari campi:

  • itemscope: identifica il contenitore della tipologia di Rich Snippet utilizzato;
  • itemtype: identifica la tipologia di Rich Snippet utilizzata, in questo caso un evento;
  • itemprop: identifica la proprietà presa in considerazione del Rich Snippet.

Su schema.org è presente la lista specifica delle proprietà che si devono e si possono utilizzare…  alcune sono obbligatorie e altre no.

Per testare il Rich Snippet creato possiamo utilizzare il tool che ci mette a disposizione google https://developers.google.com/structured-data/testing-tool/. Clicchiamo su “recupera url” ed inseriamo l’url con il listato degli eventi per cui utilizziamo i Rich Snippet. Clicchiamo su “convalida” e da qui possiamo vedere se il nostro lavoro è andato a buon fine.

Dopo un paio di giorni dalla pubblicazione sul nostro sito, nella Serp dovremmo visualizzare un risultato simile a questo:Google Rich Snippet

Questi microdata offrono una vasta possibilità di scelta sulle proprietà da utilizzare, basta solo valutare il grado di complessità e la quantità di informazioni che vogliamo rendere disponibili di volta in volta.

Concludendo, l’inserimento dei Rich Snippet è fondamentale per arricchire con informazioni specifiche i risultati presenti nella Serp di Google. Inoltre, i Rich Snippet sono dei veicoli che danno un accesso rapido ad alcuni contenuti utili per l’esperienza utente.

Lorenzo

News, Web e ha le etichette , . Aggiungi ai preferiti: link permanente. Scrivi un commento o lascia un trackback: Trackback URL.
  • Mauro Vicentini

    Bravo.. bell’articolo!

  • read it in your language:

  • Translator

    Italiano flagCinese (Semplificato) flagInglese flagFrancese flagTedesco flagGreco flagRusso flagSpagnolo flag
  • azioni